Panta Rei

Quando da piccoli non si sa come reagire di fronte a racconti dal contenuto eccezionalmente avventuroso, ci si aiuta chiamando in causa il proprio cugino e gli si attribuisce un aneddoto così incredibile da competere con quelli appena ascoltati fino ad eclissarli. Di solito navigatissimo, il cugino è sì un parente prossimo (il chè giustifica la conoscenza meticolosa delle sue gesta), ma è anche sufficientemente lontano da non permettere verifiche agli stupiti spettatori. In più la questione si è consacrata da quando Elio e le storie Tese hanno scritto una canzone proprio su questo tema, e oggi ogni cugino che si distingue per qualcosa di notevole deve fare i conti col sospetto che accompagna gli strabilianti racconti che lo riguardano.

Tutto ciò premesso, io ho un cugino che è arrivato in America senza una lira e dopo quasi vent’anni di fatica, compromessi, successi e delusioni è riuscito farcela – e ce l’ha fatta bene. Quando posso lo vado a trovare (andateci anche voi, e chiedete di Alessandro) e più facilmente lo sento, raccontandogli le ultime cose e ottenendo in cambio racconti californiani che sarebbe da mollare tutto e salire sul primo aereo. Penso che il successo di mio cugino dipenda dalla capacità che ha di fiutare le occasioni ma soprattutto dalla struttura semplificata del suo modo di pensare: A+B=C, non una lettera di più. Nulla contro chi si appassiona ai ragionamenti, ma volete mettere quanto sia più conveniente conoscere i segreti dell’arte che ti fa andare dritto al punto ? E’ difficile, lo so, ma i cugini sanno farlo.

Insomma di recente, al telefono con Alessandro, faccio presente tutto l’aspetto emotivo legato al trasferimento, la casa che lascio, gli amici, altre situazioni da affrontare e risolvere. Lui segue un po’ il mio discorso, e poi: “Aò ma Milano è bella, mica te stanno a mandà a Ancona !”

A+B=C, per l’appunto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Panta Rei

  1. eli ha detto:

    io adoro il cuggino Alessandro. Il paragone con Ancona è sublime.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...