Posso stringerti le mani ?

A volte mi capita di andare al ristorante da solo, ed altre volte da solo vado al cinema. Il giudizio che viene dato sul fare senza compagnia delle cose che di norma aggregano, divide molto: per alcuni non c’è niente di male, anzi è anche utile per raccogliere le idee, per altri è una cosa triste che merita compassione. Io sono del partito dell’ “e che problema c’è ?” e qualche volta al ristorante mi porto pure un libro. Naturalmente c’è bisogno di letture agili, che possano essere interrotte senza fastidio all’arrivo del primo o della pizza, e tempo fa avevo individuato nella raccolta di Ermes Palinsesto “Il visone ha una faccia enorme” una compagnia prediletta. Da poco ho invece cambiato idea, ed ho iniziato a preferire un’altra raccolta, stavolta di ragionamenti e racconti su un mucchio di canzoni belle. Quando capiterete in libreria dateci un’occhio, perché se pensate di essere già a posto avendo qualcosa di Hornby sbagliate: nessun’altra Playlist vi racconta “Fiori rosa fiori di pesco” in questo modo.

Insomma, è una sera di primavera e questo giovanotto non riesce a prender sonno e così si aggira per la città e finisce sotto il portone della sua ex. Si sono lasciati un anno prima, ma lui ancora non ne è uscito. La pensa. Non dorme. Sai che faccio? Suono e le faccio un’improvvisata. Suona, lei tentenna, lui insiste, lei apre. Lui sale, e la passione contenuta in un anno scoppia in una dichiarazione commossa e conquistatrice, di quelle che ci è capitato a tutti e che anche se con le parole eravamo molto più schiappe, ci convincevamo in quel momento che lei non avrebbe potuto resistere, che tutto era come prima, che ora che eravamo di nuovo assieme eccetera. Insomma, le dice così: “solo, credevo di volare e non volo, credevo che l’azzurro di due occhi per me, fosse sempre cielo, non è, fosse sempre cielo, non è”. Guardate che “solo, credevo di volare e non volo” è un capolavoro sentimental-fonetico praticamente unico.
Comunque: sempre più certo che tutto sia all’improvviso tornato com’era, le dice: “posso stringerti le mani? Come sono fredde, tu tremi. No, non sto sbagliando: mi ami. Dimmi che è vero, dimmi che non siamo stati mai lontani, dimmi che è vero, che ieri era oggi, e che oggi è già domani, dimmi che è’ vero”. Le dice così.
Adesso, molti di voi avranno già capito come va a finire. L’avete già sentita. Ma fate finta di no, anche voi. Fate finta di essere lì, in ginocchio e in lacrime di gioia, posseduti dal pensiero di un futuro felice, che vi pare che petali di rosa cadano dal cielo e scemenze così. State facendo finta? Bene, fermi lì.
Si apre una porta, probabilmente una porta che conoscete, che avete aperto molte volte: nel peggiore dei casi la porta della camera da letto. E appare un uomo, un uomo che non conoscete: nel peggiore dei casi in accappatoio (nel peggiore dei casi un accappatoio che conoscete).
E allora: “Scusa, credevo proprio che fossi sola. Credevo non ci fosse nessuno con te. Scusami tanto, se puoi”. Che vergogna. Ma il peggio deve venire: “Signore chiedo scusa anche a lei, ma io ero proprio fuori di me. Io ero proprio fuori di me quando dicevo: posso stringerti le mani, come sono fredde, tu tremi, non, non sto sbagliando mi ami, dimmi che è vero”.
Signore-chiedo-scusa-anche-a-lei. Allora, non so se avete presente “Ritornerai” di Bruno Lauzi. È una canzone molto bella, ma imbarazzante perché si capisce che lei col cavolo che ritornerà, e si immaginano anche i posti dove possa invece essere. E l’immagine di Bruno Lauzi che la convinca a tornare non è credibilissima. Insomma è triste, e uno si commuove e sta male per lui.
“Fiori rosa fiori di pesco” è diverso: uno sta male per tutti gli uomini del mondo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Posso stringerti le mani ?

  1. Alessandra ha detto:

    Mi hai assolutamente fatto venire voglia di correre a comprare Playlist! ; ) Grazie : )

  2. cinzia ha detto:

    meravigliosa parafrasi di una canzone stupenda, di una crudeltà emotiva spiazzante, ma illuminante.

  3. M. ha detto:

    Ti ho scritto poco fa x complimentarmi x il programma… e ora scopro pure che hai un blog… complimenti, molto carino…. mi ha colpito la parte del cinema in solitaria… io proprio non ci riesco… adoro andare al cinema, ma proprio da sola è una cosa che non riuscirò mai a fare…
    Uno dei prossimi gg cerco il libro, grazie x la dritta 😉

  4. Barbara ha detto:

    Devo la mia educazione sentimentale all’intera discografia di Battisti.
    Ascoltata attraverso quelle cassettine con la carta arancione che giravano nell’autoradio della 127 di papà .
    Capire il senso di quelle parole, che prima mi sfuggiva, mi permette di rileggere in modo creativo il mio curriculum amoroso… Playlist hai detto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...