In ogni caso, registrazioni perfette.

Quando siete stanchi, quando non ne potete più, quando pensate che le cose belle capitino solo agli altri, ricordatevi per un attimo di Jimmy Page. Ma non deve venirvi in mente nella versione immensa e definitiva legata alla sua professione, dovete piuttosto immaginarlo appostato da solo dentro una macchina che cerca di misurare con dei microfoni i rumori della ristrutturazione nella villa accanto alla sua.

“Il fatto che io sia una famosa pop star e lui una leggenda del rock rende il tutto più raccontabile, ma resta di fatto una lite fra vicini di casa, con un signore settantenne che registra dei muratori per lamentarsene con l’amministratore di condominio” . R.W.

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La canzone di Natale di Radio Deejay

“Eh però la canzone di Natale dell’anno scorso era migliore” è il commento più inflazionato, che dà origine ad un dibattito su una cosa così contemporaneamente decisiva ed effimera come la nostra canzone di Natale. I gusti sono gusti e ognuno può evidentemente preferire la canzone che vuole, ma prendo per buono questo commento inevitabile e uso la logica.
Se la canzone del 2017 fosse anche soltanto accettabile (non lo è, è bellissima) allora quella del 2016 sarebbe leggermente migliore, e quella del 2015 migliore due volte. Data la quantità di canzoni prodotte, che permette di risalire a più di una ventina d’anni fa, e visto che ogni volta l’anno prima era più bella, posso dire ragionevolmente che “A song for you” (1994) è, per il pubblico giudicante, ai livelli di “Imagine”.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Un’ecatombe

Cerco i nomi dei miei compagni delle elementari che dovrebbero essere presenti su Facebook, almeno secondo la superficiale valutazione che tenta di ricavare dall’impressione dell’epoca un’abitudine di trent’anni dopo. Se la ricerca non va a buon fine penso subito “poraccio, sarà morto”, escludendo completamente la possibilità che quei molti siano in salute e senza social.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Netiquette.

L’esistenza dei social detta nuove sfumature del riguardo che si dovrebbe avere per le altre persone. Chi manda a qualcuno una foto spiritosa per riderne privatamente via Whatsapp, o un qualunque altro contenuto che susciti commenti divertiti o seri, dovrebbe evitare di presentare su Facebook quello stesso contenuto per favorirne la diffusione.
La pubblicazione infatti toglierebbe valore al privilegio di quello scambio privato, e il primo destinatario lo noterebbe dispiacendosene.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La fisica che fa volare un drone

Come fa un drone a volare in maniera così stabile? Come fa a girare se non ha un timone? Queste e altre risposte in una specie di Lorem Ipsum dedicato al recentissimo Mavic Air

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Sono del 1975

Fra i sintomi della vecchiaia che arriva, nel mio caso c’è il dimenticarsi di chi si sta chiamando al telefono mentre la telefonata è già partita e il pronto sta per arrivare dall’altra parte. Penoso è il commento “ah, sì…” detto sottovoce quando allontano il telefono e leggo il nome appena in tempo.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Dedica su una tesi di laurea.

Senza titolo-1

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento